Un podcast situazionale, direttamente dall'Ultima Fila.
Di Andrea Nepori e Lorenzo Paletti

Iscrivetevi su: Apple PodcastsSpotifyPocketCasts

93: Lorenzo Paletti: “sono su Netflix”

Dove lo trovate un podcast i cui autori sono anche su Netflix? Dove lo trovate un altro podcast dove i presentatori parlano al microfono con la voce impastata di chi si è svegliato mezz’ora prima? Insomma, dove lo trovate un podcast con un livello così basso?

 

92: Un souvenir dall’IFA (Sex Toy)

Quest’anno la celebre fiera dell’elettronica di Berlino è ridotta ad un triste padiglioni. I protagonisti di questo spazio sono Huawei e produttori di falli e vagine artificiali. Ci siamo naturalmente buttati su questo carrozzone con un paio di interventi raccolti da Andrea nelle selvagge terre tedesche parlando di relazioni aperte, vesciche ai piedi, e masturbazione.

 

91: La lotteria del Papa

Per qualche ragione insondabile Lorenzo decide di rovinare le sue sudate vacanze camminando da Siena a Roma lungo la Via Francigena. Andrea lo intercetta telefonicamente da qualche parte e lo costringe a raccontare delle sue vesciche e del suo ginocchio del camminatore, quindi di cosa si aspetta da questa tortura auto-inflitta tipo pellegrino del 1300.

 

90: Woody Allen fa Cagare

Il titolo di questo episodio ha forse qualcosa a che vedere con il suo contenuto? No, perché si parla principalmente di libri e fantascienza. Cos’è tutta questa cultura? Andrea è dai propri genitori e deve dimostrare che i soldi investiti per farlo studiare sono servizi a qualcosa. E allora cosa sono tutte queste domande nella descrizione della puntata? Scopritelo ascoltandola, no?

 

89: Il gobbo a pedali

Vi siete mai chiesti come funziona la conduzione del TG di Sky TG 24 e cosa succede dietro le quinte della rete all-news più famosa d’Italia? Noi sinceramente no, ma visto che conosciamo il giornalista e conduttore del TG Alberto Giuffrè ne approfittiamo  per associarci a un volto vagamente famoso e ce lo facciamo raccontare lo stesso. Scopriamo un lavoro fatto di profonda solitudine in studio, sudore (letteralmente) e di agilità inumana delle dita dei piedi, necessaria a controllare il gobbo su cui scorre il flusso delle notizie.