Vocali su WhatsApp al +39 351 5320334

Un podcast situazionale.
Di Andrea Nepori e Lorenzo Paletti

Iscrivetevi su: Apple PodcastsSpotifyPockectCasts

38: International Barber Shop Funkausstellung

Cisotti è invidioso del successo di Ultima Fila. Andrea, di ritorno da un taglio di capelli, tesse le lodi del tessuto multiculturale di Berlino, prima di partire in una profonda digressione sui dazi di Trump nei confronti delle aziende cinesi e degli effetti collaterali sull’economia statunitense. Il tasso di cazzate si rialza subito dopo, quando Lorenzo scopre che il suo soggiorno a Berlino per l’IFA sarà deludente.

 

37: Berlino, The Non-Consensual Podcast – Atto III

L’ultimo frammento di questa trilogia Berlinese si apre con una rivelazione sconvolgente (in lingua inglese). Non tutti apprezzano il profumo di Andrea Nepori. Insieme alla prof.ssa Verduci, Andrea e Lorenzo visitano i locali più malfamati di Berlino, terminando la loro notte con un mix di malinconia e musica ambient.

 

36: Berlino, The Non-Consensual Podcast – Atto II

Lorenzo ed Andrea si uniscono alla prof.ssa Verduci, che attacca con durezza il maschilismo dilagante di Ultima Fila. È solo l’inizio di una lunga serata a base di rivelazioni sorprendenti, alcol, e scantinati della Berlino da bere.

 

35: Berlino, The Non-Consensual Podcast – Atto I

Andrea e Lorenzo si ritrovano in terra Berlinese. Viaggi in auto di lusso, traslochi, bottiglie di birra che suonano come frammenti di metallo e un appuntamento a cena con la prof.ssa Verduci. La prima di due puntate Berlinesi che vi lasceranno con il vostro solito fiato.

 

34: Le avventure di Jack Maskio e Salvo Buonfine

Andrea incontra casualmente la signorina Gessica in un negozio di Birkenstock, perché è estate e siamo a Berlino. Rientrati in studio (ovvero sul letto di Andrea) si parla del connettore più testosteronico del mondo, Jack Maskio, prima che la situazione degeneri e Ultima Fila si trasformi in un episodio di Focus Economia. A proposito: vi siete mai chiesti se quella anziana signora lesbica che avete visto in strada fosse davvero Tim Cook?