Vocali su WhatsApp al +39 351 5320334

Un podcast situazionale.
Di Andrea Nepori e Lorenzo Paletti

Iscrivetevi su: Apple PodcastsSpotifyPockectCasts

30: Colle Pattine sul Monte Bianco

Andrea e Lorenzo registrano una puntata con una settimana in anticipo. Ne consegue che non sono assolutamente sul pezzo delle ultime news, ma riescono comunque a cavarsela parlando di influencer, Hitler e del tour di Ligabue che forse chiude perché non sta vendendo biglietti.

 

29: L’assioma del perizoma

Un eccessivamente alto Saverio Alloggio ci racconta il suo dramma, mentre Carla Stea ammette il suo profondo odio per Instagram. Dopo il ritorno di Ultima Fila, Andrea e Lorenzo riciclano audio vecchi ma sempre attuali e provano a trovare un senso a un puntata che a dirla tutta ci è piaciuta davvero molto, mentre Roberto Catania prova ad affermare una nuova unità di peso basata sulle angurie baby.

 

28: Fare come Cisotti (Eravamo al Lago)

Dopo un involontario iato estivo, Ultima Fila torna nei vostri auricolari. Lorenzo è curioso di sapere tutte le novità su #giannistadia dopo la demo provata da Andrea a Londra. In un segmento dal Giappone, Lorenzo e un personaggio delle fiabe si confrontano sulla possibilità di utilizzare i sistemi di igienizzazione dei water giapponesi per apportare piacere fisico alle donne. E si inaugura il nuovo segmento “Ultima Fila Telefono Casa” con l’ascoltatrice Emy.

 

27: Huawei e Honor, a Shenzhen si suda freddo

Interrompiamo le normali trasmissioni di idiozie di vario ordine e grado per una puntata insolitamente seria per parlare di cose serie. Cioè la situazione incresciosa che si è venuta a creare fra il governo degli Stati Uniti e Huawei/Honor. Lo abbiamo fatto da Londra, dove eravamo per il lancio dei nuovi Honor 20 Series. Con Andrea Nepori in studio (cioè nell’autobus che ci portava dall’evento all’albergo) c’erano Ugo Barbara, Marco Lombardo, Gabriele Arestivo e Roberto Pezzali.

 

26: La Sindrome di Tourette

In un episodio con altissimo tasso di improperi, Andrea si lancia contro Facebook e Mark Zuckerberg, mentre l’azienda cerca di convincerci che sa regolarsi e che imparerà a rispettare la privacy dei propri utenti. Lorenzo continua a prostituirsi a Google.