Un podcast situazionale, direttamente dall'Ultima Fila.
Di Andrea Nepori e Lorenzo Paletti

Iscrivetevi su: Apple PodcastsSpotifyPocketCasts

148: Würstel Crüdi

Andrea e Luca Viscardi mettono in dubbio la collusione tra giornalismo e aziende di tecnologia. Lorenzo ha comprato dei tatuaggi. Andrea non capisce un problema di aritmetica.

 

#143: Il Significato di Gganbu

Andrea e Lorenzo si ricordano che c’è una puntata da registrare. Lorenzo mette a sua insaputa un audio con Luca Viscardi. Facebook è finito? Sicuramente questa puntata è durata poco.

 

48: Luchi Strike

Dopo un interessante disamina delle tecnologie di sblocco degli smartphone con il suono della minzione (con complici che evitiamo di nominare), Andrea incontra sul solito transfer due Luchi diversi: il primo è il Maestro Luca “Mr Gadget” Viscardi, che ci delizia con una disamina delle alternative italiane ai termini anglofoni della tecnologia; il secondo è Luca Dondoni, new entry estemporanea che ci regala la sua voce profonda e radiofonica a testimoniare un legame fra il nome Luca e la conformazione delle corde vocali. In chiusura arriva un’anticipazione…

 

44: Il paradosso dell’intolleranza (al lattosio)

Tornano protagonisti, dopo lunga assenza da queste sfortunate frequenze, l’illustre Cosimo Dr. Simoni, campione nazionale di camicie di jeans, e l’esimio Luca Viscardi, voce di tutte le voci.  A supporto, un sempre splendido Comm. Dott. Saverio Alloggio, incontrato a un rinfresco esclusivo in cui la sua intolleranza al lattosio viene mal tollerata. Ne nascono spunti per aneddoti, elogi formali, musiche di ispirazione thailandese, distinti saluti. A chiosa finale dell’ennesimo audiozibaldone si improvvisano imitazioni mal riuscite da un non luogo londinese.

 

18: Il podcast dove si riunisce l’Ajax quando vince

Andrea è in trasferta ad Amsterdam dove intercetta alcuni soliti noti di Ultima Fila e scopre che la squadra dell’Ajax si riunisce un po’ ovunque quando vince. Si parla di elettrodomestici che guidano le ricerche da Google, di cibo con una voce nota dei nostri jingle, e si arriva – non si sa come – al festival del potatore.