Un podcast situazionale, direttamente dall'Ultima Fila.
Di Andrea Nepori e Lorenzo Paletti

Iscrivetevi su: Apple PodcastsSpotifyPocketCasts

80: L’Abito non fa Monaco

Ultima Fila continua a vivere sulle spalle di Intervallo, questa volta precettando Antonio “Cinquetacche” Monaco per parlare di WWDC. Ma poi si finisce come sempre a cazzeggiare e denigrare lo stile di Lorenzo e la prostata di Andrea.

 

52: Messaggerie vocali

Impossibilitati a registrare una nuova puntata in studio perché entrambi in viaggio, Andrea e Lorenzo decidono di registrare una puntata di soli messaggi vocali. Il tema sono i messaggi vocali stessi, così da ingenerare una meta-puntata che vanta i contributi vocali illustri di Simone Cosimi, Alessio “O Meshtre” Lana, Niccolo Roli, Alessandro Scarano, Cisotto Cisotti, nonché del Duca Conte Antonio Monaco Principe di Partenope e della Chiarissima Professoressa Manuela Verduci. Perché Ultima Fila è sempre il podcast con più ospiti che ascoltatori.

 

21: Ho denunciato Andrea C. alla Polizia Postale

In questa puntata live in differita #montaggiozero, Andrea e Lorenzo parlano di filatelia come se ne capissero qualcosa, svelano come cercare davvero i prezzi su eBay, lanciano contributi esclusivi e scoprono che UltimaFila è il podcast più ascoltato nelle palestre MMA di Roma. In chiusura una grande storia popolare sui tempi della corsa all’oro della blogosfera tech italiana.

 

19: Gianni Stadia, un’opera in tre atti

Andrea si lascia scappare informazioni che non potete sapere, e difatti quella parte di podcast viene tagliata. In studio si parla del transessuale Gianni Stadia. In una sequenza di frammenti da Nuova York, Andrea parla di arte con Michela Rovelli del Corriere della Sera, prima di tornare a parlare di fika svedese armata fino ai denti.

 

16: La Crema Catalana

Ultima puntata dal Mobile World Congress, con la crème de la crème catalana del giornalismo tecnologico. Opinioni sparse sul smartfold di Huawei, qualche sana scornata con altri podcaster (con cui ahinoi è già scoppiata la pace) e un nuovo rebus troppo facile che si è fatto subito risolvere.